Ridopuntoenergia Dario Ridolfi


Conto Termico 2018. Come ottenere gli incentivi

Conto Termico 2018. Come ottenere gli incentivi

Conto Termico 2018. Chi può usufruirne e quali sono gli interventi incentivati per riqualificare le abitazioni?

Anche nel 2018 è disponibile il Conto Termico, strumento incentivante mirato a promuovere l’efficienza energetica e le energie rinnovabili termiche.

L’incentivo sarà accessibile fino ad esaurimento del contingenti di spesa annuo stanziato di 700 milioni di € per i privati e 200 per le Pubbliche Amministrazioni.

Come è possibile osservare dalla seguente figura, siamo ancora molto lontani dall’esaurire le risorse destinate al Conto Termico.

Conto Termico 2018 - contatore conto termico 12.1.2018

Per i Privati, gli interventi che hanno avuto maggiori richieste dall’inizio del meccanismo sono stati quelli relativi ai generatori a biomasse, seguiti dal solare termico.

Mentre per le Pubbliche Amministrazioni la maggiore attenzione è stata rivolta agli interventi con caldaie a condensazione.

Non tutti sanno che la coperture delle somme erogate dal conto termico viene finanziata da una specifica voce nelle bollette energetiche degli italiani.

Scopri di più sui costi in bolletta delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica nel seguente articolo:

Il peso in bolletta delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica

Conto Termico 2018: gli interventi ammessi

L’attuale versione del l’incentivo è quella introdotta nel 2016, cioè il cosiddetto Conto Termico 2.0, in quanto rappresenta la revisione del meccanismo originario.

Sono previste due categorie di interventi finalizzate rispettivamente all’incremento dell’efficienza energeticaalla produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Nella seguente figura sono schematizzati tutti gli interventi previsti:

Conto Termico 2018: gli interventi ammessi

Conto Termico 2018: Interventi di incremento dell’efficienza energetica

Sono misure riservate alle Pubbliche Amministrazioni e ai soggetti assimilati, per maggiori informazioni sui soggetti previsti dal Conto Termico vedi il seguente articolo:

I soggetti che possono beneficiare del Conto Termico

In particolare gli interventi previsti sono:

Conto Termico 2018: Interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili

Mentre gli incentivi per interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili sono richiedibili sia dai Soggetti Privati che dalle PA.

Nel dettaglio, le misure previste sono riconducibili alla:

Conto Termico 2018: Modalità di richiesta degli incentivi

Per poter accedere al Conto Termico è necessario rispettare specifici requisiti tecnici e impiantistici, funzione del caso puntuale.

Si rimanda alla lettura dei singoli articoli dedicati alla rispettiva misura per approfondire requisiti e ammontare dell’incentivo.

La richiesta del contributo per i privati può essere fatta solo tramite accesso diretto, mentre le PA possono anche prenotare l’incentivo preliminarmente.

La richiesta deve essere effettuata tramite il portaltermico, con determinate tempistiche da rispettare in funzione della procedura di accesso.

Per l’accesso diretto la richiesta deve essere effettuata entro 60 giorni dalla conclusione dei lavori relativi all’intervento.

Sotto 35 kW per i generatori (e 50 mper i collettori solari termici) è prevista una procedura semplificata per gli apparecchi ricompresi nel  catalogo degli apparecchi prequalificati:

Il catalogo degli apparecchi pre-qualificati del conto termico

In caso di accesso diretto l’incentivo viene riconosciuto in 1, 2 o 5 rate annuali, a seconda dell’entità dell’intervento e dell’importo spettante (sotto 5.000 € viene riconosciuto tutto in un’unica rata entro 90 giorni dall’accettazione della richiesta).

Mentre in caso di prenotazione, per i casi previsti relativi ad interventi eseguiti da Pubbliche Amministrazioni, è previsto un acconto prima di iniziare i lavori e il saldo a fine lavori.

Anche se i requisiti e le procedure del Conto Termico sono più complesse rispetto a quanto necessario per ottenere gli sgravi economici (e in alcuni casi l’importo può essere minore), il riconoscimento del contributo in modo diretto e in tempistiche brevi rendono tuttavia il Conto Termico uno strumento molto interessante da valutare in caso di intervento di riqualificazione degli edifici e degli impianti.

A riguardo si consiglia anche la lettura dell’articolo sulle recenti novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018 per le Detrazioni:

Le detrazioni fiscali 2018

Guida al Conto Termico 2.0

Per una più approfondita trattazione del Conto Termico 2.0 abbiamo predisposto tre approfondimenti dedicati ai Soggetti Privati, alle Pubbliche Amministrazioni e alle Aziende Agricole che eseguono interventi con generatori a biomasse.

Icon

Guida al Conto Termico 2.0 per Soggetti privati 2.85 MB 543 downloads

La guida al Conto Termico 2.0 per Soggetti Privati ha lo scopo di descrivere gli...

 

Icon

Guida al Conto Termico 2.0 per Pubbliche amministrazioni 3.37 MB 274 downloads

La guida al Conto Termico 2.0 per Pubbliche amministrazioni ha lo scopo di descrivere...

 

Icon

Guida al Conto Termico 2.0 per generatori a biomassa in aziende agricole 1.79 MB 87 downloads

La guida al Conto Termico 2.0 per generatori a biomassa in aziende agricole ha lo...

 

Seguici su facebook linkedin per rimanere aggiornato con altre novità dal settore.

Share